Centemero (Lega). Il Ministro Catalfo faccia chiarezza

1

 

 

 

“Dopo anni passati a dibattere sul diritto alla riservatezza delle informazioni personali e della propria vita privata, il sito dell’Inps va in lockdown a causa di un sovraccarico causato dal numero degli accessi. Tra varie accuse, omissioni o presunte falle nel sistema informatico, milioni di dati sensibili vengono esposti al web. Che non fossero prevedibili cosi’ tanti accessi e’ da escludere, ma che il sito non fosse configurato per anticipare tale sciagura va oltre qualsivoglia definizione riguardante le capacita’ manageriali di una certa dirigenza”. Cosi’ il deputato Giulio Centemero, capogruppo Lega in commissione Finanze della Camera.

“La violazione dei dati personali e’ per definizione un problema di sicurezza strategica non trascurabile – sottolinea Centemero -. Trasgredire tale principio mette a repentaglio la tutela della sfera privata del singolo individuo, concetto fondamentale riportato ed espanso in vari accordi internazionali, come ad esempio quello di Schengen, ed anche nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Ben vengano allora le dichiarazioni del Garante per la Privacy a tutela dei cittadini che, fanno peraltro seguito all’esposto di Codacons alla Procura della Repubblica di Roma contestualmente alla richiesta delle dimissioni dei vertici, cosi’ come il commissariamento immediato dell’Istituto. Dal canto nostro, chiederemo, con un’interrogazione al ministro del lavoro, di fare chiarezza sulle misure e azioni che il Governo intende intraprendere per fare fronte a questa disastrosa situazione, auspicando una presa di coscienza da parte dei vertici Inps alla quale, ci auguriamo, facciano seguito le dimissioni del presidente Tridico”.

Related Posts

Leave a Reply

My New Stories