Centemero (Lega): Anche Banca d’Italia sostiene la mia proposta per aiutare il rilancio delle imprese nel Mezzogiorno.

1

 

“Stamane ho esortato i sindaci di Teramo e Bari a sollecitare i rappresentati del governo al fine di attivare la norma del dl Crescita che consente per 18 mesi di trasformare in crediti d’imposta le differite attive delle imprese del Mezzogiorno in caso di aggregazione” queste le parole di Giulio Centemero, capogruppo Lega Commissione Finanze, dopo le audizioni tenutesi questa mattina nell’ambito dell’esame del disegno di legge C. 2302 – di conversione in legge del decreto-legge n. 142 del 2019- recante misure urgenti per il sostegno al sistema creditizio del Mezzogiorno e per la realizzazione di una banca di investimento.

“Anche Banca d’Italia ha espresso parere favorevole e ha definito la proposta che avevo portato avanti un utile contributo per le imprese meridionali che realizzino robuste operazioni di aggregazione. Inoltre nel documento presentato questa mattina ribadisce: questa misura avrebbe forti sinergie con le norme del Dl, con il quale condivide le finalità di razionalizzazione e rendere più efficiente la struttura produttiva del Mezzogiorno. E’ importante fare tutto il possibile per renderla al più presto operativa”.

Questa misura avrebbe potuto risolvere la crisi di Popolare di Bari a costo zero per i contribuenti e consentirebbe la capitalizzazione delle imprese del Sud e l’attrazione di investitori internazionali. Spero che almeno i sindaci del PD riescano a far aprire gli occhi ai loro compagni di partito al governo nazionale.”

Related Posts

Leave a Reply

My New Stories