Stimolo alla crescita: 400 milioni e più su AIM, PMI e StartUp

0

Con l’emendamento a mia prima firma si assicurano sempre più risorse alle piccole e medie imprese, la spina dorsale dell’economia italiana.

Ieri l’altro l’emendamento alla Legge di Bilancio è stato approvato in commissione Bilancio alla Camera dei Deputati. In particolare viene modificata la disciplina dei Piani di risparmio a lungo termine (PIR) per introdurre un altro vincolo di destinazione dei relativi investimenti effettuati. Attraverso l’emendamento le somme o i valori destinati nel Pir devono essere investiti per almeno il 3 per cento del valore complessivo in strumenti finanziari non negoziati nei mercati regolamentari o nei sistemi multilaterali di negoziazione (Bond Visione Europe, ExtraMOT, AIM Italia, Mercato SeDeX solo per fare qualche esempio) di piccole e medie imprese, oltre al 70 per cento già vincolato in base alla normativa attualmente vigente.

Se si considera che la raccolta Pir nel solo 2017 è stata di circa 12,6 miliardi, questo significa almeno 400 se non 500 o 600 milioni a pmi e Start Up per crescere.

E’ un’ottima notizia per tutto l’ecosistema, in particolare per l’imprenditoria giovanile e le StartUp che rappresentano un settore strategico per la crescita economica, sociale e occupazionale del nostro Paese. Per questo l’impegno della Lega è di favorire il più possibile gli investimenti in imprese giovani, innovative e tecnologiche perché questo vuol dire scommettere sul futuro e credere nel valore inespresso delle nuove generazioni.

Related Posts

Leave a Reply

My New Stories